ANNA FLOCCHINI

Docente e autrice Sansoni per la scuola

L’insegnamento dovrebbe essere un argine contro la superficialità e il qualunquismo. Pensiamo ad esempio all’impoverimento del linguaggio; è un fattore che ha ripercussioni molto più serie di quanto si possa immaginare. Il linguaggio è lo strumento attraverso cui concepiamo i pensieri, il suo indebolimento porta i ragazzi all’incapacità di formulare e a volte decodificare pensieri complessi. La scuola non può permettere tutto ciò. L’insegnamento dovrebbe essere come un integratore alimentare che accresce le difese immunitarie degli studenti contro questa deriva.